Centro Studi Storici PP. Barnabiti – Biblioteca Generalizia (Roma)

Direttore del Centro Studi Storici P. Filippo Lovison, B
filovis@tin.it

Bibliotecaria Donatella Bellardini
bellardinid5@gmail.com

Orario di apertura

Lunedì – Martedì – Giovedì

ore 9.00 -16.00 – Piazza Benedetto Cairoli, 117 – Roma

La Biblioteca rimane chiusa per il mese di Agosto e durante le festività Natalizie e Pasquali.

Per qualsiasi informazione scrivere una mail a: bibliotecabarnabiti@gmail.com

La Biblioteca del Centro conta diverse migliaia di volumi, alcuni incunaboli, un discreto numero di cinquecentine e di libri di diverse materie, quasi tutte riconducibili ai diversi impegni di studio e di governo dei barnabiti più celebri.


RIAPERTURA DAL MESE DI GIUGNO 2020 IN POI
COVID-19

Gentili studiosi,

Siamo lieti di informarvi che non appena saranno terminate le operazioni di sanificazione il nostro Archivio Storico Romano e la nostra Biblioteca Generalizia saranno pronti per riaprire al pubblico, previo appuntamento.

Al fine di seguire le direttive di tutela degli utenti a causa dell’emergenza virus, vi segnaliamo le misure da adoperare per accedere:

  1. dobbligo la prenotazione tramite mail a filovis@tin.it
  2. laccesso è consentito a un numero massimo di utenti definito internamente. Una volta superato il limite non sarà possibile accedervi in quel determinato giorno
  3. è dobbligo venire forniti di mascherina, guanti e un documento didentità
  4. avvisiamo che ci sarà la possibilità che venga misurata la temperatura corporea allingresso

DATO IL LIMITATO NUMERO DI POSTAZIONI, LA Consultazione della Biblioteca E’ previo appuntamento

Biblioteca Generalizia del Centro Studi Storici PP. Barnabiti

Criteri di ammissione

L’accesso alla Biblioteca è libero. Trattandosi di una biblioteca specialistica e specializzata riceve soprattutto seminaristi, ricercatori/studiosi, sacerdoti. Dato il numero limitato di postazioni in sala di consultazione si richiede di prenotare la postazione inviando una e-mail a: bibliotecabarnabiti@gmail.com. Si richiede inoltre di presentare al momento della registrazione un documento d’identità. All’entrata devono essere depositati gli effetti personali, tranne eventuali fotocopie e carte necessarie allo svolgimento del proprio studio. Nella sala è concesso l’uso del computer portatile e di carta e matita. L’utente dovrà consegnare alla bibliotecaria un documento d’identità e firmare il registro d’ingresso.

Regolamento

I libri della Biblioteca sono a scaffale chiuso. Il catalogo elettronico è consultabile in sala di consultazione oppure ci si può rivolgere alla bibliotecaria. Al termine della consultazione il materiale consultato deve essere riconsegnato alla bibliotecaria.

Norme per la frequenza della Biblioteca

Gli studiosi ammessi in Biblioteca sono tenuti a osservare rigorosamente il silenzio. I telefoni cellulari devono essere posti in modalità silenziosa. È severamente vietato portare e usare in Biblioteca forbici, coltelli, lamette, rasoi, fiammiferi, carta adesiva, nastro adesivo, colla, bottigliette d’inchiostro, correttori liquidi, e in genere qualsiasi tipo di liquido e qualsiasi altro oggetto o sostanza, che potrebbe danneggiare le collezioni della Biblioteca. In tutti i locali interni della Biblioteca è proibito fumare e consumare cibi e bevande.

Fondo Antico

La consultazione di tale fondo può avvenire esclusivamente utilizzando gli appositi leggii e toccando i documenti con le mani solo quando strettamente necessario.

Il Direttore, P. Filippo Lovison

Il giorno 21 novembre 2019 l’Ufficio Nazionale per i Beni Culturali Ecclesiastici e l’Edilizia di Culto ha accolto la richiesta di adesione della Biblioteca Generalizia del Centro Studi Storici PP. Barnabiti di Roma al Progetto per le Biblioteche Ecclesiastiche CEIBib, iniziando così a riversare, dal 29 dello stesso mese, il suo consistente patrimonio librario, significativamente a partire dal Fondo Paolino. L’adesione al Polo delle Biblioteche Ecclesiastiche e ad SBN, rappresenta un significativo momento di sviluppo, in quanto permette il collegamento con le Biblioteche Ecclesiastiche italiane, il Servizio Bibliotecario Nazionale Italiano e il Catalogo Unico delle biblioteche italiane per le informazioni bibliografiche, potendo così contribuire alla diffusione della cultura di cui i Barnabiti sono da secoli testimoni, conservatori, mediatori e promotori. Ovviamente, come tutte le biblioteche ecclesiastiche aderenti, si conserva la proprietà dei dati ma si concede alla Conferenza Episcopale Italiana la gestione della banca dati derivata.All’Interno dell’Anagrafe delle Biblioteche Ecclesiastiche la Biblioteca ha ora una sua pagina con la descrizione delle sue raccolte, gli orari e i servizi che eroga http://www.anagrafebbcc.chiesacattolica.it/anagraficaCEIBib/public/VisualizzaScheda.do.Inizia così una promettente collaborazione del Centro Studi Storici PP. Barnabiti con la CEI per la realizzazione anche di propri percorsi culturali, artistici, archivistici, librari virtuali, da pubblicare sempre sul portale BeWeb (https://www.beweb.chiesacattolica.it).

libro restituito al CSS

Roma: i Carabinieri della Stazione di Carbognano (VT) restituiscono al Direttore del Centro Studi Storici dei PP. Barnabiti, p. Filippo Lovison, il libro di M. Tulli Ciceronis, De Re Publica, MDCCCXXII, precedentemente rubato.